Salta ai contenuti
Università degli Studi di Padova

PHAIDRA – Collezioni digitali



Cerca

Informazioni

Che cos’è Phaidra

Phaidra (Permanent Hosting, Archiving and Indexing of Digital Resources and Assets) è la piattaforma del Sistema Bibliotecario di Ateneo per l’archiviazione a lungo termine di oggetti e collezioni digitali.
Phaidra ospita oggetti digitali di diverso genere (libri antichi, manoscritti, fotografie, tavole parietali, mappe, learning objects, filmati, materiale d’archivio e oggetti museali) e ne consente la ricerca, la visualizzazione, il download e il riuso, compatibilmente con le licenze assegnate ai singoli oggetti e le normative vigenti.
Le collezioni digitali di Phaidra provengono da biblioteche (in particolare grazie ai progetti di digitalizzazione promossi dal Sistema Bibliotecario), musei e archivi dell’Università di Padova, nonché dell’Università Ca’ Foscari e IUAV di Venezia e di altre istituzioni cooperanti.

Caratteristiche e servizi di Phaidra

Chi può usare Phaidra

Chiunque può compiere ricerche e navigare tra le collezioni digitali archiviate e, quando non diversamente indicato, visualizzare e scaricare gli oggetti digitali.
L’archiviazione degli oggetti è attualmente riservata al personale e agli utenti istituzionali dell’Università di Padova, previa formazione, nonché a persone e istituzioni esterne, che abbiano ottenuto le necessarie autorizzazioni. Per caricare oggetti è necessario possedere un account, da richiedere tramite il Servizio Aiuto del Sistema Bibliotecario di Ateneo, e accettare le condizioni d’uso.

Perché usare Phaidra

Aiuto nell’uso di Phaidra

Phaidra offre una serie di strumenti di supporto, per facilitare sia le operazioni di navigazione e ricerca, sia quelle di caricamento degli oggetti:

Cronistoria di Phaidra

Il progetto di Phaidra nasce nel 2008 all’Università di Vienna (http://phaidraservice.univie.ac.at/en/phaidra/).
Nel 2010 l’Università di Padova inizia una collaborazione per l’utilizzo e lo sviluppo di Phaidra. La Convenzione con l’Università di Vienna viene approvata il 23 febbraio 2010 dal Comitato Tecnico Scientifico del Centro di Ateneo per le Biblioteche (verbale della riunione n. 2/2010).
Tra il 2012 e il 2013 alcune collezioni di Phaidra vengono pubblicate in Europeana, grazie a un data exchange agreement nell'ambito del progetto europeo Linked Heritage.
Dal 2014 l’Università Ca' Foscari e l'Università IUAV, di Venezia, pubblicano le loro collezioni digitali nell’installazione di Padova.
Nel 2016 il Sistema Bibliotecario Padovano aderisce alla confederazione COAR, la rete internazionale delle istituzioni che gestiscono archivi digitali istituzionali per la letteratura scientifica ad accesso aperto.
In campo internazionale Phaidra viene utilizzata da diverse istituzioni. Informazioni sui partner di Phaidra sul sito phaidra.org.


Cronistoria di Phaidra Cronistoria di Phaidra.

Struttura organizzativa

Tra l’Università di Padova e l’Università di Vienna si tengono i seguenti incontri e scambi:


Tra l’Università di Padova e le università Ca’ Foscari e IUAV di Venezia la comunicazione avviene tramite incontri periodici, mailing list e il Servizio Aiuto del Sistema Bibliotecario di Ateneo.

Nel Sistema Bibliotecario di Ateneo è operativo il Gruppo di lavoro Phaidra, costituito da bibliotecari e informatici del CAB.

Specifiche tecniche

Phaidra si basa sul software open source Fedora, un'architettura modulare di gestione delle risorse digitali su cui si possono costruire archivi e biblioteche digitali, sia per l'accesso che per la conservazione. È anche usato per fornire accesso specializzato a grandi collezioni digitali di materiali storici e culturali, nonché di dati scientifici.


L'ambiente digitale di Phaidra L'ambiente digitale di Phaidra (Fonte: Seminario I dati della ricerca in ambito umanistico, Padova, 24 novembre 2016).


Tecnologie
Basato su software open source Fedora, Tomcat, Apache e MySQL. Interfaccia Web: varie applicazioni scritte in Perl tramite Catalyst, un framework MVC.

Sicurezza
Autenticazione tramite LDAP, autorizzazioni tramite XACML di Fedora per la gestione granulare dei permessi.

Phaidra Core
Basato su API Web, Perl e Java, con la possibilità di effettuare ricerche full-text e sui metadati, utilizzando tecnologie Lucene e Solr. L'interfaccia ha una completa localizzazione in inglese, tedesco e italiano. Utilizza UTF-8. La gestione dei diritti d'accesso può essere per utente, gruppo e struttura. Consente di limitare l'accesso ai contenuti indefinitamente o per un periodo di tempo definito.
Gli oggetti possono essere collegati tramite i seguenti tipi di relazione: generica, appartenenza a una collezione, recto-verso, altra versione.
Phaidra Github Repository

Metadati
Utilizzo dello schema LOM (Learning Object Metadata) modificato, con la possibilità di utilizzare altri schemi di metadati (MODS – Metadata Object Description Schema, Standard museali ICCD…). Metadati Dublin Core generati a partire dal LOM modificato o dal MODS con possibilità di integrare altre mappature. Utilizzo di diverse classificazioni (Dewey Decimal Classification, PACS, EuroVoc, ACM), con possibilità di integrare nuovi schemi.

Partner e collaborazioni